I ricercatori del German Research Center for Artificial Intelligence stanno sviluppando un robot umanoide dalle sembianze femminili chiamato AILA. Segni particolari: in futuro potrà viaggiare nello spazio e fornire supporto agli astronauti.

AILA è stata progettata per svolgere compiti poco impegnativi in modo che gli astronauti potranno dedicare più tempo a lavori che richiedono un certo livello di ragionamento. Il progetto è finanziato dalla German Space Agency che utilizza i fondi federali del Federal Ministry of Economics and Technology.

Il robot AILA
Il robot AILA

 

Il lavoro di AILA

Gli scienziati insegnano ed AILA apprende: è questo il processo alla base del funzionamento del robot. Gli scienziati le forniranno una serie di compiti che AILA dovrà apprendere in sequenza. Una volta imparata un’abilità, passerà a quella successiva. Per svolgere al meglio i suoi compiti, AILA è stata dotata di una piattaforma a 6 ruote. È alta 170 cm, possiede due braccia e due mani abbastanza simili alle nostre per compiere movimenti con precisione. Può inoltre ruotare leggermente la testa, il tronco e le braccia.

Per raggiungere tale livello di prestazione, i ricercatori hanno dovuto studiare ed approfondire le dinamiche del comportamento umano. Il passo successivo è stato quello di realizzare un sistema di apprendimento veloce e completamente autonomo. Questo sistema funziona attraverso l’osservazione degli operatori umani, indipendentemente dalla morfologia del robot.

Dunque AILA è costituita da una piattaforma di ricerca che analizza diversi aspetti, come la mobilità, la percezione e la manipolazione. Ciò le consente di comprendere l’ambiente in cui opera, muoversi da una zona all’altra, imparare le caratteristiche degli oggetti e controllarli. Il suo lavoro consisterà probabilmente nell’assistere gli astronauti nella Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

I suoi movimenti sono ancora piuttosto lenti, ma sono poco meccanici e molto fluidi come quelli umani.

 

Lavorare con i robot

Ci siamo chiesti se vivere con i robot sarà possibile. Abbiamo visto che sono necessari ulteriori miglioramenti nel settore dell’intelligenza artificiale prima di poter ospitare in casa un robot che ci comprenda appieno i suoi compiti. Quando invece associamo i robot al lavoro tendiamo a pensare che un giorno verremo sostituiti totalmente dalle macchine. E immaginiamo scenari in cui la disoccupazione arriverà alle stelle, i ricchi diventeranno più ricchi e la classe media tenderà a scomparire. Non voglio tornare sul discorso del lavoro a rischio a causa dei robot. Vorrei però sottolineare alcuni aspetti positivi della collaborazione tra umano e macchina.

Quando i robot raggiungeranno un ottimo livello di precisione e sofisticatezza, li considereremo più sicuri rispetto a un essere umano. Se i robot in futuro saranno in grado di risolvere problemi causati dagli imprevisti più pericolosi, allora non ci penseremo due volte ad affidare loro certi tipi di lavoro. E non dobbiamo pensare solo ed esclusivamente al settore industriale e manifatturiero. Pensiamo anche, ad esempio, a quello della sanità. Lasciamo perdere per un attimo la sostituzione di un medico o di un chirurgo da parte di un robot. Riflettiamo su tutte le conseguenze positive che potremmo trarre da una loro collaborazione. Credo sia questo l’aspetto che potrà fare la differenza.

Immaginiamo sempre un mondo futuro popolato da robot che rimpiazzeranno le nostre mansioni. Difficilmente immaginiamo un futuro in cui la collaborazione uomo-macchina potrà aumentare la produttività, facilitare gli impegni lavorativi e domestici, creare nuove occasioni di crescita e migliorare la qualità della vita di tutte le persone. Utopia? Intanto possiamo farci un’idea migliore del progresso e delle possibilità del futuro considerando le 9 tendenze della robotica che cambieranno il mondo.

 

Un robot per ogni necessità

I robot ci danno una mano a risolvere diversi problemi e in futuro il loro aiuto potrà essere non solo prezioso, ma anche necessario. Robot come AILA miglioreranno le missioni spaziali perché faranno risparmiare molto tempo agli astronauti per le operazioni di bordo e di manutenzione. In più, potranno tenere sotto controllo la situazione per tutto il tempo necessario.

I robot come Romeo potranno fornire assistenza alle persone più anziane o con disabilità fisiche o mentali. Sarebbe molto utile un robot in casa che si occupa dei nostri cari mentre siamo fuori o che ci aiutano nel prenderci cura di loro. Se avete un parente con particolari problemi di salute capirete bene a cosa mi sto riferendo. Spostamenti, orari per le medicine, igiene e molto altro.

I robot come PR2 saranno la manna dal cielo per le casalinghe o comunque per le persone che hanno pochissimo tempo per sbrigare alcune importanti faccende di casa. Quante volte hai pensato che vorresti avere più tempo libero da dedicare ai tuoi hobby e alle tue passioni? Ecco. Un robot potrà restituirti il tempo che non hai mai avuto. E non è poco.

Se avrai bisogno di un assistente personale per il tuo lavoro potrai affidarti a robot come Luna. Sono robot che si occuperanno degli aspetti più scomodi, noiosi o complicati della tua giornata. I robot come Pepper potranno dimostrarsi molto utili per la ricerca. La robotica sociale, ad esempio, sembra essere una disciplina molto promettente. Negli ultimi anni molti robot sono stati progettati per studiare l’autismo e aiutare le persone con questo disturbo.

Insomma, un futuro dove ci saranno più robot come questi, efficienti, precisi e piacevoli, potrebbe essere un futuro migliore sotto diversi punti di vista. Prima di pensare a una nostra sostituzione per ogni tipo di attività, pensiamo a una potenziale collaborazione per fini sociali, sanitari ed economici.

Prima che i robot “ruberanno” tutto il nostro lavoro ne passerà di tempo. Ma non è nemmeno detto che succederà. Nel frattempo possiamo pensarci su e scoprire tanti nuovi modi interessanti per vivere meglio insieme a loro. In questo caso, sappiamo già cosa dovremo scegliere: robot che abbiano i nostri stessi difetti. Giusto?

Fonti: robotik.dfki-bremen.detechinsider

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.