Sta per essere definitivamente approvata a New York la procedura per l’etichettatura dei prodotti OGM. Durante l’assemblea del Consumer Affairs & Protection Committee, il  disegno di legge A.617 è passato con 9 voti contro 6.

Un'etichetta di un prodotto

 

Il caso

Nonostante l’opposizione delle grandi corporation del cibo e delle bevande, l’organizzazione dei difensori dell’ambiente e dei diritti dei consumatori ha garantito che il disegno di legge A.617 catturasse l’attenzione del comitato.

Il voto arriva sulla scia della controversa decisione da parte del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti di approvare la vendita di una mela geneticamente modificata che non diventa “marrone” una volta tagliata, frullata o grattugiata.

Nella sezione 1 del testo di legge si può leggere: “Il legislatore ritiene che i consumatori dello stato di New York il diritto di sapere se i cibi che acquistano sono stati prodotti con l’ingegneria genetica in modo che possano fare decisioni di acquisto informate.“.

 

Il diritto ad essere informati…

Il disegno di legge impone l’etichettatura dei prodotti alimentari che sono stati trattati con l’ingegneria genetica. In questo modo verranno fornite ai consumatori le informazioni di base su ciò che è presente nel loro cibo e come è stato prodotto. D’ora in avanti i cittadini di New York sapranno se i prodotti che porteranno a tavola sono geneticamente modificati.

Il membro dell’assemblea Jeffrey Dinowitz ha dichiarato: “In qualità di presidente della Committee on Consumer Affairs and Protection, credo che i consumatori abbiano il diritto di sapere cosa contiene il loro cibo, sia esso glutine, zucchero, o organismi geneticamente modificati. Mentre la ricerca sugli impatti ecologici, sociali e fisiologici a lungo termine degli OGM resta incompleta, gli OGM sono il punto di partenza delle pratiche sperimentate nel tempo che gli esseri umani hanno usato per adattare il mondo naturale per le loro esigenze. Io sto con un crescente coro di voci di New York e degli Stati Uniti che cercano maggiori informazioni sui prodotti alimentari che acquistano, e non vedo l’ora di lavorare con i miei colleghi per portare questo disegno di legge al voto in Assemblea piena in questa sessione.

 

… e la libertà di scelta

Dopo il Minnesota e l’Arizona, anche lo stato di New York si avvia verso l’etichettatura degli OGM. Sapendo se un prodotto è OGM o meno, i cittadini di New York potranno decidere se acquistarlo oppure no. Non si tratta di essere semplicemente contro la modificazione genetica di alimenti e bevande, ma di avere il diritto di conoscere con precisione i loro ingredienti. Soltanto se si è ben informati si può essere davvero liberi di fare una scelta.

Fonti: naturalsocietymorningagclips

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.