L’11 febbraio potrà essere, soprattutto per chi sostiene pienamente la tutela della privacy, un giorno di particolare importanza. Migliaia di persone appartenenti a gruppi che supportano le libertà civili e la libertà di Internet si coordineranno per dare vita a una protesta digitale contro la NSA (National Security Agency).

La protesta che inizierà tra qualche giorno è stata denominata “The Day We Fight Back“, ovvero “Il giorno in cui reagiamo”. Amministratori di siti creeranno dei banner ben visibili all’interno dei loro spazi digitali e cercheranno di rendere l’evento virale esprimendo l’opposizione contro la NSA. Inoltre, attraverso tali banner verrà chiesto ai lettori di riempire di telefonate e di email gli uffici del Congresso per esprimere il sostegno al Freedom Act, un disegno di legge volto a limitare il potere del governo nelle operazioni di sorveglianza. Tra i partecipanti, il cui numero per ora ammonta a circa 4000, vi sono anche l’American Civil Liberties Union, reddit, Tumblr, Mozilla, DailyKos, e Amnesty International. Gli organizzatori dell’evento sono dell’idea che tale manifestazione potrà fare anche maggiore luce sul Freedom Act che è stato introdotto solo l’anno scorso dal rappresentante repubblicano Jim Sensenbrenner. Nello specifico, questa legge limiterebbe la raccolta da parte del governo americano di metadati relativi alle chiamate telefoniche, consentirebbe la nomina di un avvocato difensore della privacy all’interno del Foreign Intelligence Surveillance Court e quindi consentirebbe una maggiore trasparenza dalla NSA.
Sarà sicuramente una protesta che susciterà notevole interesse da parte degli esperti e non, innanzitutto per la sua origine digitale, dove la condivisione e il coinvolgimento potranno fare una notevole differenza in termini di numeri, informazione ed efficacia. L’appuntamento, quindi, è all’11 febbraio, per assistere e/o partecipare alla reazione collettiva dei cittadini contro l’operazione di sorveglianza di massa perpetrata dall’agenzia americana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.