Il 21 ottobre 2013 fu redatta una dichiarazione dall’European Network of Scientists for Social and Environmental Responsibility (ENSSER), un’associazione non-profit registrata sotto la legge tedesca. Nella dichiarazione, consultabile proprio sul sito dell’associazione, sono state raccolte le opinioni e le firme di esperti e scienziati che si sono schierati contro gli OGM, ritenuti non sicuri per la salute. Da allora hanno firmato 297 scienziati.

La ENSSER riunisce diverse e indipendenti figure competenti del campo scientifico per poter diffondere le conoscenze e offrire gli strumenti adatti a una valutazione critica delle tecnologie esistenti ed emergenti. L’associazione ha come obiettivi principali, quindi, lo sviluppo della “buona scienza” e della ricerca per la protezione dell’ambiente, della diversità biologica e della salute umana, aspetti che spesso sono minacciati dagli effetti negativi delle tecnologie e dei suoi prodotti.
Attraverso alcuni estratti del suo comunicato, è possibile osservare il punto di vista adottato dall’associazione nei confronti dei prodotti OGM, ovvero degli organismi geneticamente modificati:
Come scienziati, medici, docenti universitari ed esperti provenienti da discipline rilevanti per gli aspetti scientifici, giuridici, sociali e di sicurezza di valutazione degli organismi geneticamente modificati (OGM), con forza respingiamo le affermazioni da parte degli sviluppatori di semi OGM e di alcuni scienziati, commentatori e giornalisti che vi è un ‘consenso scientifico’ sulla sicurezza degli OGM e che il dibattito su questo tema è ‘finito’
Ci sentiamo in dovere di rilasciare questa dichiarazione, perché il consenso richiesto in materia di sicurezza degli OGM non esiste. L’affermazione che esiste è fuorviante e travisa le prove scientifiche attualmente disponibili e l’ampia diversità di opinione tra gli scienziati su questo tema. Inoltre, la domanda favorisce un clima di compiacenza che potrebbe portare ad una mancanza di rigore normativo e scientifico e di dovuta cautela, mettere  potenzialmente in pericolo la salute degli esseri umani, gli animali e l’ambiente
Come è possibile, allora, che ancora oggi i prodotti OGM in alcuni paesi vengano prodotti in quantità industriali da parte di multinazionali senza alcun freno? A questa domanda prova a rispondere uno dei frimatari della dichiarazione, il Dr. Margarida Silva, biologo all’Università di Cordoba (Argentina): “… la ricerca è stata in gran parte finanziata dalle aziende stesse che dipendono dai risultati positivi per la loro attività, e ora sappiamo che dove scorre il denaro, l’influenza cresce“.

In sintesi, il potere delle multinazionali, come ad esempio la Monsanto, ha la meglio anche sulle questioni scientifiche, ed è anche ormai appurato come molte di queste impediscano le ricerche indipendenti e offrano esse stesse ai governi gli strumenti per testare la sicurezza dei loro prodotti. Ma gli OGM non sono sicuri e lo confermano 297 scienziati indipendenti. Troppo pochi? Considerando quello che ha detto il Dr. Margarida Silva, a questo punto vale di più la qualità di una ricerca che è libera da ogni condizionamento ideologico, politico ed economico, piuttosto di una organizzata da enti governativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.