La neurotecnologia progredisce sempre più: i recenti studi permettono ai pazienti di compiere diverse azioni utilizzando strumenti robotici. Gli impianti cerebrali registrano le attività neuronali dei pazienti e li aiutano a controllare delle braccia robotiche. Nello specifico, uno studio condotto su alcune scimmie pubblicato su Science Translational Medicine dimostra che, molto probabilmente, in futuro persone con problemi di paralisi o disabilità potranno controllare interfacce macchina-cervello collegate con le suddette braccia.
Il neuroscienziato Miguel Nicolelis ed i suoi collaboratori hanno installato dei microelettrodi in varie zone del cervello di due scimmie: i primati sono riusciti a controllare delle braccia virtuali su uno schermo per toccare alcuni oggetti, ovviamente anch’essi virtuali, come cerchi e quadrati. Una volta completati questi compiti, ricevevano in premio succhi di frutta. Mentre le scimmie effettuavano queste operazioni, gli scienziati tenevano sotto osservazione il tipo di attività neuronali ad esse associate: studiando questi processi, si potranno sviluppare particolari strumenti medici molto utili per chi ha problemi motori. Nicolelis ha dichiarato: “Riassumendo semplicemente, l’attività neuronale correlata ai movimenti delle braccia destra e sinistra non ci ha permesso di prevedere ciò che singoli neuroni o la popolazione neuronale avrebbero fatto quando entrambe le braccia erano impegnate insieme in un compito bimanuale. Questa scoperta indica una proprietà emergente del cervello – una conclusione non lineare – quando entrambe le mani sono impegnate nello stesso momento“.
Recentemente i risultati in quest’ambito sono stati davvero interessanti. Ad esempio, grazie a queste tecnologie, una donna è stata in grado di bere un caffè nonostante fosse vittima di una paralisi da ben 15 anni; un’altra paziente, paralizzata dal collo in giù, è stata invece in grado di controllare un braccio robotico per mangiare della cioccolata. Questa è la tecnologia che aiuta e che bisogna supportare, perché potrebbe cambiare la vita di molte persone sfortunate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.