2013 Genomic Sequncing and Newborn Screening Disorders (GSNSD): è il norme del programma di ricerca finanziato dall’ Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD) e dal National Human Genome Research Institute (NHGRI). Lo scopo è quello di identificare la struttura del DNA di tutti i neonati americani.

Tale sequenziamento del genoma fornirà una mappa genetica di ogni bimbo: ciò sarà utile per l’individuazione di eventuali malattie che il piccolo potrà sviluppare nell’infanzia o più tardi, durante la sua crescita. D’altra parte, però, il Department of Homeland Security (DHS) sta cercando di raccogliere tutti i dati relativi ai DNA dei bambini per poi conservarli nel caso in cui un giorno, in caso di arresto o circostanze simili, possano essere usati per avere un quadro migliore delle attività criminose. Sembra fantascienza, ma non lo è. Infatti, il Congresso degli Stati Uniti nel 2010 ha approvato il Katie Sepich Enhanced DNA Collection Act, il quale ha consentito una massiccia raccolta di DNA per la tutela dei bambini e per migliorare il database penale. Circa 10 milioni di campioni di DNA sono stati raccolti dal CODIS, una sorta di banca dati genetici di massa, i quali vengono poi forniti ai servizi dell’ordine in determinati casi. Secondo loro, tutto questo per fini pre-criminali.
Quindi, dopo la nascita, a questi neonati viene prelevato del sangue con la scusa di dover effettuare uno screening per malattie. In realtà, grazie alle informazioni generali ottenute dal genoma, saranno tenuti sotto controllo per tutta la vita. Un neonato non ha le facoltà per prendere simili decisioni e i genitori hanno le mani legate. Negli ultimi tempi si stanno sollevando delle proteste da parte delle famiglie più attente e preoccupate, ma spesso sono le suddette leggi ad averla vinta. Per ora la questione è specificatamente americana, ma non è detto che simili operazioni possano un giorno essere rese legali anche in altri paesi. Attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.