Browse Tag

Edward Snowden

Need to Know

“Need to Know”: il videogioco ispirato dalle azioni di Edward Snowden

Le rivelazioni dell’ex tecnico della CIA e agente della NSA (National Security Agency) Edward Snowden hanno ispirato la creazione di un videogioco chiamato “Need to Know“. Sarà possibile vestire i panni di un tecnico del Dipartimento della Libertà, un’agenzia governativa immaginaria che svolge attività simili a quelle dell’NSA. Potremo sfruttare le tecnologie più sofisticate di sorveglianza di massa per favorire le attività del governo. Oppure per proteggere la privacy dei cittadini e renderli più consapevoli delle operazioni di spionaggio digitale.

Lotterai per la privacy, o aiuterai a creare uno stato di polizia inarrestabile?
Leggi

Snowden: la riforma dell’NSA è solo l’inizio

Edward Snowden

Il Guardian ha intervistato Edward Snowden a Mosca sulla riforma dell’NSA (National Security Agency). Come in ogni intervista dell’ex operatore, sono emerse tante interessanti informazioni. Snowden ha affermato che questo è solo l’inizio della riforma e che molti altri programmi di sorveglianza di massa ancora più invadenti verranno presto rivelati.

L’intervista è avvenuta dopo la sentenza della corte d’appello federale che ha definito illegale il programma della NSA per la raccolta alla rinfusa di tabulati telefonici.
Leggi

Graffito che raffigura Edward Snowden

Snowden e l’aspetto etico della fuga di notizie

L’ex analista dell’NSA (National Security Agency) Edward Snowden è stato intervistato durante il “2015 Symbolic Systems Distinguished Speaker” via videoconferenza trasmessa al Cubberley Auditorium di Stanford. I professori di filosofia John Perry e Kenneth Taylor hanno moderato la discussione.
Leggi

Edward Snowden

Snowden avverte l’Australia sulla conservazione dei dati

L’ex tecnico della CIA Edward Snowden ha un messaggio per gli australiani che si stanno confrontando con le nuove leggi sulla conservazione dei dati. “Vi stanno osservando“. Secondo Snowden, queste nuove leggi sono “radicali” e “pericolose”. Il motivo? Tengono sotto controllo anche gli australiani che non hanno infranto la legge.
Leggi