Heartbleed: ci sono stati i primi arresti

Sono state arrestate le prime persone colpevoli di aver approfittato del bug in OpenSSL, ormai noto come Heartbleed. Ogni giorno si scopre che qualche software è vulnerabile e pochi riescono a risolvere il problema attraverso delle patch.

Il primo ad essere arrestato per aver sfruttato il bug è stato Stephen Arthuro Solis-Reyes, un giovane informatico che ha abusato dei dati presenti nei server della Canada Revenue Agency ( CRA ), agenzia delle entrate canadese. Le informazioni dei cittadini canadesi, quindi, sono state rese facilmente reperibili. Solis-Reyes, infatti, è stato arrestato per essersi impossessato dei dati di 900 contribuenti. Non è stato l’unico: in Canada ci sono stati altri arresti e ci sono buone possibilità che ne avverranno altri. Insomma, l’errore di programmazione in OpenSSL si sta dimostrando davvero una delle falle più pericolose per la sicurezza in Internet. Molto probabilmente ne sentiremo parlare ancora e si spera che a pervenire saranno esclusivamente buone notizie.

Fonte: punto-informatico.it


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.